COME CURARE L’ASMA

I trattamenti per l’asma si dividono in terapie di mantenimento, che servono a prevenire gli attacchi o a trattare quelli di lieve entità, e terapie cosiddette “salvavita” che vengono utilizzate nel caso di attacchi acuti e più gravi.

Per il trattamento dell’asma vengono utilizzati due tipi di farmaci: gli antinfiammatori e i broncodilatatori. Solitamente a cambiare è il dosaggio, a seconda dell’entità dell’attacco.

I farmaci antinfiammatori riducono l’infiammazione che restringe le vie respiratorie e tra i più usati ci sono i corticosteroidi, gli inibitori dei leucotrieni e gli stabilizzanti dei mastociti. I broncodilatatori rilassano le vie aeree e comprendono farmaci beta-adrenergici, anticolinergici e metilxantine.

Gli attacchi d’asma, soprattutto quando sono gravi, devono essere gestiti in maniera tempestiva e specialistica. Gli asmatici che sono soggetti a crisi forti e improvvise possono perdere conoscenza prima di assumere la terapia.

Nei casi più lievi, invece, le persone con asma possono usare un inalatore per assumere una dose di agonista beta-adrenergico ad azione rapida.

Principali trattamenti (Linee Guida GINA 2019):

  • Farmaci per il controllo dell’asma
    • Glucocorticosteroidi inalatori (ICS)
    • ICS + ß2-agonisti a lunga durata d’azione (LABA)
    • Antagonisti recettoriali dei leucotrieni
    • Anticolinergici (tiotropio)
    • Anti-IgE
    • Anti-IL5
    • Glucocorticosteroidi orali
    • Metilxantine a lento rilascio
    • Cromoni
  • Farmaci per il sollievo dei sintomi
    • ß2-agonisti inalatori a rapida azione da usare con cautela
    • Glucocorticosteroidi sistemici (per le riacutizzazioni)
    • Anticolinergici a rapida azione (gravi riacutizzazioni)